Skip to content Skip to footer

Colli Bolognesi:
cosa vedere, cosa fare e cosa mangiare

Scopriamo i Colli Bolognesi e le sue attrazioni

vista di bologna dall'alto skyline

Chiunque passi per Bologna e la sua provincia, non può perdersi un giro sui colli bolognesi. Resi famosissimi dalla celebre canzone sulla Vespa dei Lunapop, questo territorio merita assolutamente una visita.

Cosa vedere nei Colli Bolognesi:

Parchi Naturali

tramonto nei colli bolognesi

Una delle caratteristiche principali dei Colli Bolognesi è che potrete visitare dei bellissimi parchi naturali a pochi chilometri dai centri abitati. Qui è possibile fare lunghe passeggiate rilassanti, andare in bici e organizzare pic-nic all’aria aperta.

Borghi e Castelli

Levizzano Rangone al tramonto

Se amate i tipici borghi italiani, allora i Colli Bolognesi non vi deluderanno. Nelle colline intorno a Bologna sorgono piccoli paesi da esplorare a piedi, con rilassanti passeggiate a piedi. Da non perdersi anche i castelli, dai quali ammirare splendidi panorami.

Avventurosi Itinerari

escursione in campagna

Che siate amanti del trekking, di ciclismo o di moto, le strade di queste colline sapranno cullarvi lungo magnifici percorsi. Tutta l’area del bolognese è fornita da una ricca rete di collegamenti, che uniscono le città più grandi con i piccoli borghi di campagna.

Enogastronomia

primi piatti bolognesi

Non si può dire di aver visitato i Colli Bolognesi senza aver provato la cucina tradizionale. A farla da padrona sono i prodotti a marchio DOP, come la mortadella, da accompagnare rigorosamente ai vini di ottima qualità.

Musei

vista di bologna dall'alto skyline

Il bolognese è noto per essere uno dei principali centri culturali del nord Italia. Addentrandosi nelle campagne sui colli bolognesi, potrete visitare dei bellissimi musei, che vi porteranno a rivivere la storia e l’arte dei secoli passati.

Ville Storiche

verucchio castello vista portici
I Colli Bolognesi sono un territorio bellissimo: lo sapevano bene le antiche famiglie nobili che qui costruirono le loro dimore per la villeggiatura. Molte di queste ville sono oggi visitabili, pronte ad accogliere coloro che vogliono riscoprire i racconti nascosti all’interno, fra eleganti saloni e rigogliosi giardini.

Immergersi nella natura dei Colli Bolognesi

I Colli Bolognesi offrono spazi verdi molto estesi dove la natura convive in simbiosi con l’uomo. I visitatori sono invitati al rispetto di queste grandi aree verdi che si contraddistinguono per la varietà degli ecosistemi. I parchi sono abitati da moltissime specie di animali, oltre che da alberi e piante di vario tipo. Organizzare un’escursione a piedi o in mountain bike può essere un’ottima occasione per ammirare queste bellezze naturali.

veduta-dei-colli-con-fiori

Fra le attrazioni naturali da visitare segnaliamo:

  • Il Parco della Chiusa
  • Il Parco dell’Abbazia di Monteveglio
  • I Calanchi
  • L’Acqua Salata di Rio Marzatore

Nel dettaglio:

Il parco della Chiusa

Situato a Casalecchio di Reno, è anche chiamato “Parco Talon” dal nome dei marchesi Sampieri Talon che in passato possedevano questo territorio. Il parco venne fondato dai marchesi proprio nel 1600: qui costruirono, oltre ai giardini decorati con statue e fontane, alcuni romantici chioschi. La nobile famiglia era solita utilizzare il parco come location per importanti feste, che videro ospiti anche personaggi famosi come Stendhal. Oggi il parco è di proprietà comunale ed è aperto liberamente al pubblico. Visitandolo potrete passeggiare per i suoi viali alberati, godendo degli splendidi scorci sui campi e i vigneti che confinano con il parco.

Il parco dell’Abbazia di Monteveglio

Si tratta di una delle aree verdi più estese della Valle del Samoggia. Se amate camminare, qui avrete l’imbarazzo della scelta in quanto a sentieri da percorrere. Con una superficie di ben 882 ettari, lo spazio non manca! Un consiglio? Provate ad avventurarvi fino all’antica abbazia di Santa Maria di Monteveglio, nel cuore del parco. Qui vicino troverete anche i resti di un antico castello medievale: un vero tuffo indietro nel tempo.

I calanchi

Alle pendici delle colline bolognesi potrete ammirare i famosi “calanchi”. Ma cosa sono esattamente? Si tratta di formazioni rocciose naturali, dall’aspetto quasi ondulato, alternato da conche e grotte. Sui calanchi il paesaggio sembra quasi lunare: difficilmente troverete qualcosa di simile in altre parti d’Italia.

L’acqua Salata Rio Marzatore

Il rio Marzatore è un piccolo affluente del torrente Samoggia che ha una particolarità del tutto unica: le sue acque sono salate. Questo perché in epoche antichissime, quando il mare si ritirò dalla Pianura Padana, una parte dell’acqua rimase imprigionata nel terreno. Oggi ha ripreso a sgorgare da questo piccolo rio, diventato famoso per le sue proprietà termali.

Cosa vedere nei Colli Bolognesi

vista-di-bologna-dall'alto-skyline

I colli bolognesi sono un territorio abitato da secoli. Sono moltissime le popolazioni che hanno vissuto in queste zone, arrivando da svariati parti d’Europa e del mondo. Durante gli anni hanno lasciato tracce e testimonianze del loro passaggio, regalandoci monumenti storici dal valore artistico inestimabile. Potrete ritrovare tutto ciò nei numerosi musei, borghi e castelli e nelle ville storiche perfettamente conservate.

Le Ville Storiche

Da sempre tutta l’area dei Colli Bolognesi è stata frequentata da numerose famiglie di nobili, che in passato scelsero questo territorio come meta delle proprie vacanze o come residenza. Il bolognese era una zona molto ambita delle famiglie più ricche, che costruirono sfarzose dimore dove passare il loro tempo. Palazzi, giardini, castelli: in ogni borgo e paese le ville eleganti non mancano mai. Ecco quelle più conosciute.Tutte queste ville sono aperte al pubblico. Attraverso i percorsi di visita potrete scoprire le stanze riccamente decorate e magnifici parchi circostanti:

  • Villa Albergati
  • Palazzo Pepoli
  • Villa Ghigi
  • Villa Garagnani
  • Villa Aldini
  • Villa Balzani
  • Palazzo Stella
  • Villa Spada
  • Palazzo di Cuzzano
  • Palazzo Rosso

I Musei

In un territorio così colmo di storia come quello dei Colli Bolognesi, non possono naturalmente mancare dei musei che la raccontino. Nel bolognese troverete musei di qualsiasi tipo, dalle ville riconvertite in esposizioni permanenti come la casa museo NENA, ai musei dedicati ai prodotti enogastronomici, come l’Ecomuseo della collina e del vino. Insomma, ce n’è per tutti i gusti! In questo elenco vi riportiamo alcuni dei musei più visitati:

  • Ecomuseo della Collina e del Vino
  • Ca’ la Ghironda
  • Museo Crespellani
  • Museo della Badia
  • Collezione Nigelli
  • Casa Museo NENA
  • Museo della Civiltà Contadina
  • Museo Missionario d’Arte Cinese e Museo dell’Osservanza

Borghi e Castelli

Nei Colli Bolognesi si può passeggiare anche attraverso le vie dei borghi storici, e non solo nei parchi. Sulle pendici dei colli sorgono piccoli paesi di origine medievale, ancora oggi molto vivi e animati da fiere ed eventi. Oltre ai borghi, prendetevi del tempo per scoprire anche gli imponenti Castelli bolognesi. Ecco alcuni dei borghi e dei castelli da mettere in lista lungo i vostri itinerari:

  • Monteveglio
  • Castello di Serravalle
  • Rocca di Bazzano
  • Oliveto
  • Eremo di Tizzano

Monumenti e luoghi di interesse

Cercate qualcosa di “alternativo” ai parchi e ai monumenti storici? I Colli Bolognesi sapranno stupirvi anche in questo. Fra i luoghi d’interesse più particolari, eccone alcuni decisamente fuori dal comune:

Chiusa di Casalecchio

Si tratta di una imponente opera idraulica costruita in epoca medievale, ma con nulla da invidiare alle più moderne strutture. Pensate che è la più antica opera idraulica del mondo. Per scoprire tutti i segreti nascosti dietro a questa meraviglia ingegneristica, approfittate delle visite guidate organizzate da alcuni volontari.

Osservatorio Felsina

Posto a 651 metri di altezza nell’Appennino bolognese, è un’attrazione adatta a qualsiasi occasione: da una serata romantica, fino a una visita alla scoperta delle stelle con i più piccoli. La posizione privilegiata vi aprirà la vista su costellazioni e pianeti del tutto nuovi per i vostri occhi.

Cosa fare nei Colli Bolognesi

tenda-al-tramonto-coon-vista

Non riuscite a stare fermi? Allora nei Colli Bolognesi vi troverete sicuramente a vostro agio. Se amate le giornate movimentate, da passare sempre in giro e all’aria aperta, approfittate dei numerosi percorsi della zona da fare a piedi, in bici ma anche in moto. Non importa il mezzo: qualsiasi itinerario seguirete, ne rimarrete estasiati!

A piedi

Come già citato prima, i parchi naturali nei Colli Bolognesi sono molto estesi e ricchi di sentieri ben segnalati. Ma anche nei borghi storici non mancheranno le occasioni per passeggiare fra portici e vicoli in pietra.

In bici

I Colli Bolognesi offrono un’ampia rete di piste ciclabili. Potete percorrerle noleggiando delle bici nei numerosi punti dedicati, scegliendo fra i modelli classici o elettrici a pedalata assistita. Se invece amate l’avventura, munitevi di mountain bike e andate alla scoperta dei sentieri!

In Moto

“Ma come è bello andare in giro, per i Colli Bolognesi!”: chi non la conosce?
Oltre alle moto sportive, provate un tour in Vespa fra queste magnifiche strade immerse nel verde. Gli itinerari in vespa sono fra le attività più apprezzate da chi visita queste zone.

Mangiare nei Colli Bolognesi

salumi-bolognesi

I Colli Bolognesi sono famosi in tutto il mondo per la cucina e i loro prodotti tipici. Il bolognese è infatti una delle zone d’Italia con la più elevata concentrazione di prodotti a marchio DOP ed IGP. Da non perdersi lo gnocco fritto con i salumi, fra cui la mortadella, da accompagnare con un bicchiere di vino dei colli. Una vacanza nei Colli Bolognesi è una festa per il palato. Non potrete quindi dire di aver visitato questa zona senza prima aver assaggiato le prelibatezze locali.

Tartufo bianco

Il tartufo bianco bolognese è un’istituzione nei colli bolgnesi, tanto che tutti gli anni a Savigno viene organizzato il Festival internazionale del tartufo bianco.

Mortadella

Rigorosamente con marchio IGP è un insaccato di carne suina dal gusto saporito, ottimo da solo o semplicemente accompagnato con il pane.

Vini dei Colli

Nei colli bolognesi vengono coltivate diverse varierà di uva. La più diffusa è il Pignoletto, che assume caratteristiche diverse anche in base ai microclimi locali. In totale sono circa 140 le aziende vitivinicole registrate in zona.

Saslà

Una varietà di vitigni bianca di origini antiche recuperata grazie alla passione di alcuni viticoltori bolognesi. È un’uva delicatissima e difficile da coltivare, ma che ripaga le fatiche con la sua dolcezza unica.

Gnocco fritto

La specialità dei colli bolognesi per eccellenza. Farina, acqua, sale e strutto per friggere. Nulla di più semplice (e più buono!) da preparare. Squisito da solo, ma ancora di più accompagnato da salumi e formaggi.

Parmigiano Reggiano

Il re dei formaggi, prodotto con il latte delle mucche dei Colli Bolognesi. È decisamente il formaggio più conosciuto in Italia e nel mondo, buonissimo sia da solo che utilizzato come condimento o ingrediente per altre ricette.

Miele

Sulle colline bolognesi le api trovano un territorio ideale per la produzione del miele, grazie alla grande varietà di fiori. La dolcezza e il profumo del miele del bolognese è infatti una caratteristica distintiva di questo prodotto, utilizzato per addolcire torte o per accompagnare i formaggi.

Marrone biondo

I castagneti dei colli bolognesi regalano ogni autunno una particolare varietà di marroni. Sono chiamati i “marroni biondi dell’appennino” e si distinguono per le grosse dimensioni e il frutto corposo. Solitamente vengono preparati nelle tradizionali pentole di rame.

I nostri Partner

Scarica la guida PDF Gratis!

Niente SPAM, promesso!
Scarica ora gratis

Scarica la Guida sui Colli Bolognesi GRATIS

Riceverai subito il PDF via e-mail, no SPAM!